XXI Secolo: il caleidoscopio del contemporaneo

di Marco Marinacci

Se la prospettiva è l’idea a priori che sostiene tutta l’arte occidentale moderna, quando entra nell’orizzonte del “contemporaneo”, appena superata la curva del tempo chiamata XIX secolo, quell’idea, che appariva così matematicamente definita e imperturbabile, sembra entrare in un gioco di specchi, che, prima, la ribalta, dirigendola anziché al mondo visibile, dritta all’interiorità umana – […]

Leggi

Meccanismi percettivi e nuovi linguaggi artistici: il caso Mariani

mm

“Secondo me un dipinto deve assomigliare a scintille” Joan Mirò Appena si varcano le Colonne d’Ercole del XX secolo arte e scienza sembra abbiano sempre più necessità di dialogo. Quando poi si sconfina nel contemporaneo, la compenetrazione si fa inevitabile, e ne scaturiscono risultati inattesi e sorprendenti. Così, mentre la ricerca scientifica continua a indagare […]

saggi Leggi

Arte e scienza tra intuito e ragione

Riccardo Panigada

C’era un simpatico amico ingegnere, il quale era solito osservare che non bisogna mai preoccuparsi troppo di fronte ai problemi. Infatti per ogni problema c’è sempre una soluzione, e se qualcosa che sembra un problema non ha soluzione, significa che non si tratta di un vero problema. Ma gli uomini hanno bisogno dei problemi, tanto […]

saggi Leggi

Riflessioni assiologiche sull’arte

Onelio Onofrio Francioso

saggi Leggi

Il Bestiario

Stefania Bleve

Leggi

Gino Masciarelli – il bestiario

video di Michele Piovesan testo critico Marco Marinacci

  IL BESTIARIO I vulcanologi conoscono bene quella forza struttiva della materia viva e pulsante che dalle viscere della terra sorge alla superficie e si solidifica in forme immediatamente riconoscibili, archetipi di un inconscio collettivo antico quanto il pianeta. Quando quell’energia primitiva non riesce a liberarsi nel camino di un vulcano, si dimena e cerca […]

audiovisivi Leggi